mannequin-challange

FERMI TUTTI! MANNEQUIN CHALLANGE MANIA

Non ha risparmiato nessuno e nessuno sa resistergli: il nuovo tormentone sui social è il Mannequin Challenge. Dagli Stati Uniti all’Europa, la banalità raggiunge ancora (o supera ancora?) i limiti; ma proprio per questo è virale, e piace.

Non ci siamo dimenticati dell’Harlem Shake che ha fatto impazzire la Rete nel 2013 e dell’Ice Bucket che, se pur con fini benefici, ci ha perseguitati per tutta l’estate 2014. A questi si aggiungono i passeggeri tormentoni alla Gangnam Style, con il quale si pensava di aver raggiunto il trash più assoluto nel 2012, o il più recente Pen pineapple Apple pen: l’incontro di un ananas, una mela e una penna per un vero centrifugato di pura follia e demenzialità e per un totale di 2,6 milioni di visualizzazioni su Youtube e una miriade di video di imitazione. Il non-sense che regna sovrano.

Ora tocca al Mannequin Challange. Come funziona?

È molto semplice: raduna un gruppo di amici o colleghi e fatevi riprendere in un breve video durante una qualsiasi attività e in pose diverse, rimanendo completamente immobili, come manichini. E se proprio vuoi fare le cose fatte bene, aggiungi la canzone Black Beatles di Rae Sremmurd di sottofondo (non per niente ora in cima alla classifica su Spotify e non solo).

Nato tra gli studenti delle scuole americane, il Mannequin Challenge si è diffuso rapidamente in ogni ambiente e sportivi, politici, cantanti, perfino animali si sono già cimentati. Sui social all’hashtag #MannequinChallange si vede di tutto, le scene più ridicole, originali ed esilaranti: la sfida è infatti ricreare le posizioni più comiche o difficili.

Perché tutto questo successo?

Se non è sempre facile capire come tormentoni di questo tipo nascano, è più semplice comprendere perché hanno successo.

  1. Più è banale più piace. È così. La demenzialità, e l’assurdo catturano perché ci fanno ridere, senza motivo, ma ci fanno ridere.
  2. Sono video, e il video è il presente e il futuro dei social e della comunicazione sul Web. Video first, ora e sempre.
  3. Sono video di gruppo, situazioni in cui amici o colleghi possono trovarsi e condividere un momento di divertimento.
  4. Quando “conquista” anche solo una celebrità diventa virale per forza di cose.
  5. E nel momento in cui cominciano a farla tutti sui social tu, che sei sui social, non puoi non seguire la moda, anche se non ti piace.

Quindi tutti pronti a fare i manichini online? Le regole sono semplici e chiare, ma è meglio affrettarsi, o farà in tempo ad arrivare il nuovo tormentone ;)

Non perderti i nostri articoli e le news! Iscriviti alla nostra Newsletter!

ISCRIVITI